📦 SPEDIZIONI IN 24/48 ORE. CONSEGNA GRATUITA PER ORDINI SOPRA 50€. ACQUISTA ORA →

Dieta varia. È la scelta giusta?

Quale è la scelta giusta?

Per quanto riguarda noi umani, una dieta varia ed equilibrata è alla base del benessere fisico e mentale. Possiamo dire lo stesso dell’alimentazione del nostro pet? Le domande che ci vengono poste più spesso sono: “Posso variare ricetta al mio pet o devo tenere quella che sto utilizzando per sempre?” Oppure “È davvero corretto proporre un’alimentazione varia?” Oggi siamo qui per rispondere a questi dubbi.

Questo articolo è a scopo informativo. Se il vostro pet dovesse avere particolari necessità o patologie vi invitiamo a consultare il vostro medico veterinario di fiducia.

Cos’è una dieta varia?

Quello che vogliamo specificare, però, è che per dieta varia non s’intende un continuo cambio di “tipi di alimentazione”. Il saltare continuamente tra un’alimentazione estrusa e un pressato a freddo non è mai una buona idea.

Questi continui cambi possono comportare delle difficoltà di assestamento a livello digestivo nel nostro pet. Le varie tipologie di alimenti hanno processi di digestione caratteristici che variano tra loro non solo per tempistiche, ma anche per l’intero processo. Per esempio, sapevate che la digestione del pressato a freddo comporta una produzione più bassa di succhi gastrici rispetto a una ricetta estrusa?

Un regime alimentare composto da ricette diverse

Quando proponiamo al nostro amico a quattro zampe un nuovo tipo di alimentazione, il suo organismo deve mettere in atto un nuovo processo digestivo e adattarsi a questo, quindi si attua un importante cambiamento a livello gastrointestinale. Va da sé che proporre in continuazione cibi che richiedono processi di digestione diversi tra loro non sostengono un corretto funzionamento dell’apparato gastrointestinale.

Per “dieta varia” s’intende un regime alimentare composto da ricette diverse della stessa tipologia di alimentazione. Questi alimenti vengono creati con ingredienti diversi tra loro, pertanto supportano un apporto diverso di nutrienti. La varietà è molto importate per il corretto sostentamento e funzionamento dell’organismo del pet.

Frutta

Perché variare la dieta?

Cambiare l’alimento proposto al proprio pet è spesso causa di dubbi. Quello a cui non si pensa però è che, nel momento in cui si abbraccia un’alimentazione completamente naturale come la nostra, è molto importante avere una dieta varia. Come per noi non sarebbe salutare mangiare lo stesso alimento tutti i giorni, per loro il ragionamento è lo stesso. Ma quali sono i motivi per cui dovremmo proporre un’alimentazione varia?

Apporto di tutti i nutrienti di cui ha bisogno il nostro pet

È vero che ogni ricetta deve essere correttamente bilanciata in modo da rispondere alle esigenze nutrizionali, ma ogni ingrediente ha le sue proprietà nutrizionali! Per questo, quando si propone un’alimentazione naturale, è giusto proporre diverse ricette in modo da garantire un apporto diverso di nutrienti diversi! Ci sono alcuni nutrienti definiti “Essenziali”, che non vengono prodotti dall’organismo, ma è necessario assumerli “dall’esterno”. Se il nostro pet mangiasse sempre gli stessi cibi potrebbe precludersi la possibilità di assumere questi nutrienti essenziali.

Rinforzo del sistema immunitario

L’apporto di quantitativi diversi di sostanze nutritive è un toccasana anche per il sistema immunitario! Un’alimentazione ripetitiva può comportare un apporto non del tutto corretto di vitamine e sali minerali, che sostengono la risposta immunitaria dell’organismo del nostro pet. Per questo un’alimentazione varia comporta il rinforzo dell’organismo del pet, che risponderà così nel migliore dei modi ad eventuali infiammazioni o piccoli malanni.

Utile per prevenire allergie e intolleranze

Assimilare i soliti nutrienti sempre nelle stesse forme e quantità può portare a un rallentamento del metabolismo, dato che non è stimolato. Nei casi più rilevanti la conseguenza non è solo questa sorta di “letargia”. Si può assistere al superamento della “soglia di tolleranza” dell’organismo, che può portare allo sviluppo di condizioni di intolleranza alimentare. Variando l’alimentazione, invece, si evita che si sviluppino stati di infiammazione e si mantiene il metabolismo sempre attivo.

Sostegno alla prevenzione

Offrire una dieta varia vuol dire proporre a rotazione anche degli alimenti, e i loro relativi nutrienti, che sostengono l’organismo contro determinate patologie. Per esempio, inserire nell’alimentazione alimenti ricchi di fibre aiuta nella prevenzione del diabete, mentre l’apporto corretto di vitamine, antiossidanti e minerali sostengono contro patologie cardiovascolari. Per assicurarsi il corretto apporto di tutti i nutrienti necessari è altamente consigliato mantenere un regime di alimentazione vario.

La varietà è richiesta dall’organismo

In natura è impensabile mantenere una dieta composta sempre dallo stesso alimento.
Possiamo dire che i cani si siano abituati piuttosto bene alla vita con noi umani, dobbiamo però tenere presente però che il loro organismo, a parte qualche piccola modifica, è rimasto quello di un tempo. Questo cosa implica? Che i nostri pet, come all’ora, hanno un organismo che per lavorare a pieno hanno bisogno di svariati nutrienti che possono essere trovati solo in un regime alimentare vario!

Gusti nuovi

Immaginate di mangiare sempre lo stesso alimento. Non vi annoia solo l’idea? Anche il vostro pet ha bisogno di verità nei gusti. Esperienze nuove sostengono non solo, come abbiamo visto, un apporto di nutrienti diverso, ma anche l’umore! Le esperienze nuove di qualsiasi tipo, anche quelle alimentari, alzano i livelli di endorfine nell’organismo, aumentando sensazioni positive come la felicità.

Come faccio a variare l’alimentazione?

Possiamo definire quattro grandi gruppi che raccolgono gli ingredienti che dobbiamo inserire nella dieta del nostro pet: proteine di origine animale (carne e pesce), cereali, verdura e frutta.

Proteine di origine animale

Le proteine di origine animale sono il must che non può mancare nell’alimentazione. È sempre bene capire quale siano le fonti animali più adatte e stabilire i tipi di carne più digeribili per il nostro amico a quattro zampe. Un’altra accortezza essenziale per la salute dell’organismo del pet è, oltre che a variare tipologia di proteine, variare anche tra carne e pesce. Spesso si tende a prediligere l’una o l’altro, più per abitudine che per motivi di necessità. Carne e pesce sono entrambi importanti per garantire un apporto nutritivo ottimale.

Carne

La carne, bianca o rossa, è un’ottima fonte di ferro, oltre che di potassio, sodio e zinco. Per quanto riguarda le vitamine, quelle del gruppo B sicurante non mancano: in abbondanza ritroviamo la B3, importante per la circolazione del sangue, B12 e B6, utili per stimolare le funzioni cerebrali e prevenire l’invecchiamento.

Pesce

Il pesce è un’ottima fonte di proteine nobili e acidi grassi polinsaturi, in particolare Omega-3 e Omega-6. Per sapere di più su questi principi vi consigliamo di leggere questo articolo. È molto importante anche per offrire il corretto apporto di minerali preziosi come fosforo, calcio e iodio, utilissimi nella prevenzione di tante patologie.

Carne e Pesce
Cereali

Ovviamente non tutti e soprattutto quelli meno raffinati, ma sono una parte importante della dieta del pet.  Il loro apporto di nutrienti è notevole: fonte inesauribile di vitamine A, C, K, J e del gruppo B, oltre che di antiossidanti e sali minerali. Le ricette che li contengono sono ottime per aumentare l’apporto di fibre, stimolando così l’intestino e alleggerendo la digestione. Aiutano anche a lenire eventuali infiammazioni. 

Verdura

Perché è bene inserire, anche ciclicamente, diverse varietà di frutta e verdura nella dieta dei nostri pet? La risposta è molto semplice. La frutta e la verdura sono fonti inesauribili di vitamine, antiossidanti e sali minerali. In più, molti ingredienti che fanno parte di queste categorie hanno proprietà benefiche molto utili. La zucca, per esempio è un ottimo diuretico, le carote aiutano a regolare l’intestino, le barbabietole rosse contribuiscono al corretto mantenimento delle ossa e funzionamento dei nervi.

Verdura
Frutta

La frutta non può mai mancare: banana, pera e mirtilli rossi sono tra gli ingredienti più indicati per le loro proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e immunostimolanti. Dati questi aspetti benefici, va da sé che inserire nella dieta ricette che le contengano e proporli ciclicamente è decisamente indicato. 

La dieta varia è una scelta giusta e va fatta consapevolmente!

L’apporto di nutrienti diversi e l’assunzione di alimenti che hanno proprietà benefiche fa sì che il vostro pet sviluppi un organismo particolare forte! È corretto quindi variare tra una ricetta e un’altra, ma sempre rispettando i tempi del vostro amico a quattro zampe. 

Ovviamente i gusti e le condizioni dell’organismo sono soggettive, per questo è bene sempre fare piccoli test con nuove ricette! Che ne pensate? Raccontateci la vostra esperienza nei commenti ↓

8 commenti su “Dieta varia. È la scelta giusta?”

  1. Buongiorno io sono passata da area wild manzo e salmone ad area wild agnello e tonno ma è due o tre giorni che ha feci molli alla fine quasi liquide forse ho cambiato troppo in fretta la ricetta? Volevo sapere ogni quanto andrebbe cambiata per non creare disfunzioni al cane grazie ☺️

    1. Area-Dog Staff

      Salve Gabriella! Come dicevamo a Valeria nel primo periodo di cambio alimentazione è bene essere più cauti, in quanto ogni pet ha uno storico alimentare proprio ed è un organismo a se, pertanto reagirà in maniera differente rispetto ad altri.
      Ci sono però dei piccoli accorgimenti sempre utili, come testare (e quindi confermare) la corretta digeribilità della prima ricetta scelta per almeno 2 settimane. Successivamente è bene tenerla per almeno 1 mese. In questo modo il nostro pet si abituerà in maniera ottimale alla nuova tipologia di nutrimenti.
      Per quanto riguarda le feci morbide, è possibile siano dovute a questo. Vanno quindi tenute sotto controllo, e valutare dopo 1/2 settimane se vi è un cambiamento, così da poter definire la digeribilità della composizione, che sarà poi bene tenere (in caso positivo) per almeno 1 mese!
      Ci tenga aggiornati su come procede, e non esiti a contattarci in caso di dubbi o questioni, saremo felici di seguirvi! 🥰🐾💚

      1. Buongiorno, io alterno manzo e trota, con salmone e maiale, uno al mattino e l’altro alla sera.
        Da pochi mesi ho introdotto nella rotazione anche cavallo. Sempre mantenendo un grain free ed un low grain giornalmente. La mia Labrador sembra gradire, le feci sono assolutamente regolari.
        Continuo così? È giusto?
        Grazie, Paolo

        1. Area-Dog Staff

          Salve Paolo! La risposta a questa sua questione se l’è data un poco da solo, in quanto per capire se il regime alimentare scelto e proposto al nostro pet va bene, è necessario guardare il pet. Se le feci sono regolari, è attivo ed in piena forma, significa che la dieta varia composta da lei è “giusta” per il SUO pet 💪🏼
          Ci tenga aggiornati su come procede 🥰🐾💚

  2. Giulia Francia

    Ciao! Ha senso anche quindi variare tra grain free e low grain? Oltre che tra proteine. Grazie mille

    1. Area-Dog Staff

      Salve Giulia! Sì, ha molto senso. Questo perchè così si aggiungeranno diversi nutrimenti alla dieta del nostro pet, e in alcuni casi sarà possibile inserire dei particolari ingredienti (come per le ricette della Linea Exclusive) che daranno un sostegno maggiore a determinate parti dell’organismo dei nostri pet!
      Ci tenga aggiornati su come procede, e se necessita di maggiori consigli o informazioni non esiti a contattarci, saremo felici di seguirvi 🥰🐾💚

  3. Valeria Verzi

    Molto interessante! Ogni quanto consigliate di cambiare ricetta? Consigliate anche cambi tra linee (e.g. tra lifetime e areawild) o linee diverse hanno digeribilità troppo diverse?
    Grazie!

    1. Area-Dog Staff

      Salve Valeria! Ci fa piacere abbia trovato chiaro ed interessante questo nuovo articolo 😍
      Ogni quanto cambiare ricetta? Va definito in base al pet in questione, sicuramente se si è effettuato il cambio di alimentazione da poco sconsigliamo di iniziare immediatamente a cambiare composizione, in quanto in quel periodo sarà bene dare il tempo all’organismo del nostro pet per abituarsi alla nuova alimentazione. Successivamente consigliamo di provare la digeribilità delle diverse composizioni per almeno 2 settimane (e tenerle poi per 1 mese per essere certi della ottimale tollerabilità sul proprio pet). Infine, una volta definiti questi due primi punti sarà possibile variare diminuendo questi lassi temporali, fino ad avere il nostro cane con un metabolismo molto attivo e quindi poter variare più composizioni nella medesima settimana 💪🏼
      Quindi sì, si potrà variare anche tra le diverse linee, in quanto cambiano solo gli ingredienti 🤗
      Ci tenga aggiornati su come va, e se necessita di più consigli o informazioni non esiti a contattarci, saremo felici di seguirvi 🥰🐾💚

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Estate e Inverno. Meglio carne o pesce?

Estate e Inverno. Meglio carne o pesce?

Ormai manca poco alla stagione primaverile e iniziamo a sognare le belle giornate con temperature più alte. Con…

Leggi Tutto →
Variare la dieta: il modo che non ti aspettavi

Variare la dieta: il modo che non ti aspettavi

Nello scorso articolo (se ve lo siete persi potete leggerlo qui) vi abbiamo parlato di quanto sia corretto proporre…

Leggi Tutto →
Dieta varia. È la scelta giusta?

Dieta varia. È la scelta giusta?

Per quanto riguarda noi umani, una dieta varia ed equilibrata è alla base del benessere fisico e mentale. Possiamo…

Leggi Tutto →
Omega3. Come, perchè e dove trovarli?

Omega-3. Come, perchè e dove trovarli?

Sono davvero così importanti? Chi, informandosi sul tipo di dieta corretto per il proprio pet, non ha mai sentito parlare…

Leggi Tutto →